Malako Body Crème Scrub: una coccola al profumo di pesca

Continuiamo a parlare di esfoliazione! Dopo l’ultimo post, in cui vi raccontavo come non soltanto l’esfoliazione del viso fosse importante ma anche quella delle labbra (trovate il post precedente qui), continuo sulla scia di quell’argomento per parlarvi del Body Crème Scrub di Malako.

A cosa serve fare uno scrub? Aiuta ad eliminare le cellule morte e a rinnovare i tessuti, rende la pelle più morbida ed elastica. Specie con l’arrivo del sole e dell’estate, quando arriva il momento di scoprire gambe e braccia dopo mesi di calze, pantaloni lunghi e maglioni, uno scrub per rigenerare il corpo è l’ideale. Non solo benefici fisici – fare uno scrub al corpo è un modo per abbracciarsi, per rilassare e allo stesso tempo ricaricare la mente: che si tratti della mattina, quando è necessario trovare l’energia necessaria per affrontare la giornata, o della sera, appena tornati dal lavoro, quando tutto ciò di cui si ha bisogno è prendersi un momento per sé stessi e coccolarsi con qualcosa che scacci via le energie negative della giornata.

Un problema comune degli scrub per il corpo è quello di affidare il proprio effetto esfoliante a granuli ricavati da microplastiche, decisamente inquinanti sia per l’ambiente che per la fauna marina. Malako si distingue e offre un trattamento totalmente naturale, eco-friendly e, come sempre, performante e nutriente: gli agenti esfolianti che operano per rigenerare e allo stesso tempo calmare corpo e anima sono semi di pesca e semi di ulivo.

Questi ultimi lavorano in sinergia con oli e burri naturali che, mentre i semi di pesca e ulivo lavorano per rimuovere le cellule morte, si preoccupano di nutrire in profondità il corpo in modo tale da rendere gentile l’azione dello scrub e lasciare la pelle estremamente liscia e idratata.

Usarlo è davvero semplice: inumidite la pelle con un po’ d’acqua in modo tale da assicurarvi che lo scrub funzioni ma non sia troppo aggressivo e massaggiatelo delicatamente sul corpo con movimenti circolari, riservando particolare importanza ai punti più secchi e screpolati.

Altri grandi punti a favore del Body Créme Scrub di Malako sono packaging e profumazione. La vostra crema-scrub è infatti presentata in un bellissimo barattolo di vetro, dal design elegante ed essenziale. Oltre ad abbracciare una filosofia plastic free in toto, risulta essere anche un bellissimo oggetto da mettere in bagno!

E poi, il suo odore: trovo che in prodotti come questo, che lavorano su nutrimento e benessere di corpo e mente, il profumo giochi un ruolo essenziale. In questo caso, si tratta di un mix di pesca, uva e lemongrass: dolce ma perfettamente bilanciato dalle note del lemongrass così che non risulti stucchevole.

Ricollegandomi sia alla profumazione, sia ad uno degli ingredienti, sia alla consistenza in sé e all’idea dei granuli che tanto mi ricordano delle briciole, la prima ricetta alla quale ho pensato è stata la stessa che ho realizzato: delle barrette crumble con un cuore dolcissimo di pesche. Come infatti gli il crumble richiama la consistenza degli esfolianti, allo stesso tempo il ripieno morbido alle pesche è delizioso, avvolgente e fa sì che il dolce rimanga fresco e si sciolga sotto la bocca, un po’ come succede per la crema che fa da portante per lo scrub!

Il dolce è profumatissimo e delizioso grazie alle mandorle, all’olio di cocco e, chiaramente, al ripieno di pesche. È un ottimo dolce estivo che non vi farà rimpiangere di aver acceso il forno per un pochino, specie se deciderete di servirlo con una pallina di gelato!

Barrette crumble alle pesche

Ingredienti:
Per la pasta:
200g di farina di mandorle
2 cucchiai di farina di cocco
4 cucchiai di olio di cocco
3 cucchiai di miele o sciroppo d’acero
un pizzico di sale

Per il ripieno:
3 pesche nettarine
1 cucchiaio di miele o sciroppo d’acero
1 cucchiaio di amido di tapioca

Procedimento:
Mescola la farina di mandorle, la farina di cocco e il sale. Aggiungi olio di cocco sciolto e miele o sciroppo d’acero e impasta fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo. Pressa 2/3 dell’impasto all’interno di una tortiera per crostate lunga e tieni in frigorifero per 30 minuti. Preriscalda il forno a 180^C. Taglia le pesche in spicchi e condiscile con il miele o lo sciroppo d’acero e l’amido di tapioca. Bucherella la base della torta con i lembi della forchetta, distribuisci la frutta sopra la base e sbriciola con le mani l’impasto rimanente dalla base della crostata. Cuoci per circa 35 minuti, poi sforna e fai raffreddare prima di rimuovere dalla teglia e tagliare in quadrotti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.